College Reporting

Giornalismo, New Media & Real World

REPORTING-870x490
Share:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

9 posti assegnati

Due o tre cose da sapere, prima di scegliere questo College

Non hai bisogno di avere una preparazione specifica, ma devi essere dotato di naturale interesse per: il mondo (tutto, o almeno una fetta), il mondo dell’informazione (avere un’idea generale del fatto che esistano testate come Internazionale, Limes, ilPost eccetera) e la narrativa non fiction (autori come Emmauel Carrère: mai sentito nominare?).

Inoltre, tieni conto che la classe di Reporting funziona più o meno come la redazione di un giornale: per cui dovrai abituarti a lavorare in gruppo per la maggior parte del tempo.

 

Cosa succederà in questi due anni

In questo College scoprirai come si declina un’informazione, e le storie che ci stanno dietro, in varie forme: da quelle più istantanee (come i tweet che si rincorrono sui portali dei quotidiani online) a quelle di lunga portata (le inchieste di approfondimento che scendono fin nelle pieghe più minute degli eventi, come succede ad esempio su MicroMega o Limes). In mezzo a questi due estremi si possono sondare tutte le sfumature possibili, un enorme ventaglio di opportunità che dovrai imparare a utilizzare senza esitazioni.

Ti allenerai ad ampliare il tuo spettro di attenzione, sia riguardo a quello che vuoi raccontare, sia per il modo in cui potresti raccontarlo. Sceglierai un’area del vasto mondo dell’informazione (potrebbe essere l’immigrazione, il Medio Oriente o l’economia) e ci lavorerai sopra per mesi.

Cercherai di capire la differenza che passa tra una notizia e una storia. Raccontare un fatto richiede verità e oggettività: ma anche rimanendo ben al di qua dei confini della finzione si può raccontare qualcosa in modo indimenticabile.

 

Cosa saprai fare, una volta fuori di qui

  • avrai scritto una notizia in tutti i modi possibili, e per tutti i formati possibili;
  • avrai visto le redazioni di diversi giornali e avrai lavorato e collaborato con tantissimi giornalisti;
  • avrai lavorato ai progetti più diversi (dal giornalismo per l’infanzia alle inchieste di attualità più approfondite; avrai collaborato su commissione al Numero Zero di riviste online e di magazine che poi sono davvero stati pubblicati; avrai inventato una rivista tutta tua, magari: Iride, la rivista fondata dagli studenti di Reporting dell’anno scorso, è stato uno tra i primi 10 magazine più letti in Italia, per un certo periodo);
  • sarai stato, per due anni, in una palestra pratica di giornalismo. Tra i progetti dei nostri studenti, nati da esercitazioni assegnate dal Maestro del College, c’è il sito che raccoglieva tutte le breaking news delle elezioni comunali di Torino durante la campagna elettorale del 2016, con le schede dei vari candidati sindaco;
  • sarai diventato bravo ad avere l’occhio giusto per le notizie, avrai imparato a mettere l’anima in quello che scrivi e non ti limiterai a riportare i fatti, ma racconterai anche le storie che stanno dietro le notizie;
  • sarai versatile, potrai scrivere un editoriale, un live tweeting o un’inchiesta: se ti chiederanno di farlo, saprai come farlo.

 

I progetti degli studenti di Reporting sono molto diversi tra loro: ci sono documentari, inchieste, progetti al limite con la narrativa, portali web. Hanno questo, in comune: nessuno somiglia al tipo di giornalismo a cui ci hanno abituati fin qui. Tutti, però, raccontano un frammento di mondo che dice molto degli autori che l’hanno catturato e salvato, così che anche noi potessimo vederlo.

 

 

Maestro

 

 

Il Maestro del Biennio 2017-2019 è ancora top secret: riveleremo il suo nome appena possibile.

 

 

Il Maestro del Biennio 2016-2018 è Ezio Mauro, direttore della Stampa dal 1992 al 1996 e di Repubblica dal 1996 al 2016.

 

Negli ultimi anni sono passati dalle aule di Reporting anche: Riccardo Luna, Gigi Roccati, Luke Schiller, Marina Petrillo, Tiziana Lo Porto, Alessandro Lostia, Emilio Casalini, Francesco Jodice, Valerio Spada, Alina Marazzi, Martino Gozzi, Philip Gourevitch, Daniele Scaglione, Federico Rampini.

 

FAI LA PRIMA MOSSA!