Accidenti! Non è più possibile iscriversi a questo corso. Ce ne sono tantissimi altri che iniziano, però, e si trovano qui. Per rimanere aggiornati su tutto quello che facciamo a Scuola, invece, questo è il modo più veloce: Glass, la nostra newsletter.

Fiction
Costruire storie

con Davide Longo, Vanni Santoni e Lorenza Ghinelli

DAL 22 FEBBRAIO AL 28 GIUGNO 2021 IN STREAMING  SCRITTURA

PROGRAMMA

TRAMA, CON DAVIDE LONGO

Quando entriamo in un palazzo, il nostro occhio è attratto dal colore delle pareti, dagli arredi, dalle finestre e dalla ceramica finissima dietro le teche di vetro. Raramente ci chiediamo cosa fa sì che l’edificio non ci crolli in testa. Lo diamo talmente per scontato, che possiamo non interessarcene.

Le storie funzionano alla stessa maniera. Sono pensate, studiate e migliorate a lungo perché stiano in piedi, ma poi quel che ci colpisce davvero sono i dettagli, le sfumature, le sottili finezze dello stile.

La trama fa stare in piedi una storia. Noi studieremo saperi, regole, consuetudini e insegnamenti proprio per capire perché una storia regge e un’altra no. Esamineremo esempi di trame lineari e di intrecci complessi, creeremo modellini di romanzi e scalette di film e faremo esercizi. Lo scopo è che tutti, alla fine, sappiano costruire case solide. Non importa se barocche, primitive, futuristiche o Jugendstil. Prima di tutto, devono essere solide.

PERSONAGGI E DIALOGHI, CON VANNI SANTONI

Cos’hanno in comune Tony Buddenbrook, Benno von Arcimboldi, Galadriel e Humbert Humbert? Niente, naturalmente. A parte che sono tutti personaggi estremamente efficaci. Ma l’efficacia non è un fattore a sé. Dipende da tante cose, su cui occorre sempre riflettere, quando si scrive: come si presenta un personaggio, com’è caratterizzato, come parla, cosa pensa, come agisce e, soprattutto, interagisce con la narrazione di cui fa parte. Solo calibrando bene questi aspetti si può dar vita a personaggi indimenticabili.

C’è un solo modo per sviluppare questa sensibilità: leggere, interrogarsi e portare alla luce ciò che è nascosto sotto la forma della scrittura. Prenderemo come modelli e studieremo sia le figure minori che i protagonisti più famosi dei romanzi e proveremo a comprendere i processi che rendono possibile la loro creazione.

Più tardi, useremo tutti questi spunti per analizzare e migliorare l’efficacia di personaggi creati da noi. E niente paura se non si hanno ancora storie da portare: analizzeremo sia personaggi che hanno già iniziato a prendere spazio sulla pagina, sia quelli ancora da inventare. E poi gli daremo vita.

GENERI, CON LORENZA GHINELLI

I limiti, nella scrittura, sono risorse. Aumentano la creatività, rendono più elastica la mente di chi crea. E così vanno intesi i generi. Hanno linguaggi specifici, tropi e situazioni ricorrenti che servono a esprimere un preciso immaginario, ma solo lo scrittore inesperto si sente costretto, al loro interno. Il bravo scrittore li interpreta come angoli solidi dove poggiare le fondamenta di originali soluzioni narrative e di storie inedite.

Ti avventurerai alla scoperta delle regole dei generi letterari, dall’atmosfera alla caratterizzazione dei personaggi, dalla costruzione di una scena al dialogo. Ti eserciterai su aspetti mirati della narrazione di genere, scriverai un racconto e farai editing dei testi insieme alla classe.

IN CATTEDRA

DAVIDE LONGO

Ha esordito nel 2001 con Un mattino a Irgalem, con cui ha vinto il Premio Grinzane Opera Prima e il Premio Via Po. Nel 2004 è uscito Il mangiatore di pietre, Premio Città di Bergamo e del Premio Viadana. È regista di documentari, autore di testi teatrali e autore radiofonico per Radio Rai. Ha scritto per diverse testate e nel 2010 è uscito L’uomo verticale, che ha vinto il Premio Lucca e da cui è stato tratto un film del 2018 con Luigi Lo Cascio. Il suo ultimo libro è Così giocano le bestie giovani.

VANNI SANTONI

Dopo l’esordio con Personaggi precari ha pubblicato, tra gli altri, i romanzi Gli interessi in comune (Feltrinelli 2008), Se fossi fuoco arderei Firenze (Laterza 2011), la saga di Terra ignota (Mondadori 2012-17), Muro di casse (Laterza 2015), La stanza profonda (Laterza 2017, candidato al Premio Strega), I fratelli Michelangelo (Mondadori 2019). Scrive sul Corriere della Sera e dirige la narrativa italiana di Tunué. Nel 2020 è uscito per minimum fax il suo saggio La scrittura non si insegna.

LORENZA GHINELLI

Ha scritto Il divoratore (venduto in sette Paesi), La colpa (finalista al Premio Strega), Con i tuoi occhi e Sogni di sangue. Per Rizzoli ha pubblicato Almeno il cane è un tipo a posto (vincitore del Premio Minerva) e Anche gli alberi bruciano. È stata soggettista e sceneggiatrice per la televisione. Collabora da anni con la Holden come docente e tutor, e saltuariamente con la Walkabout Literary Agency come editor. Il suo ultimo romanzo, Tracce dal silenzio, è stato pubblicato da Marsilio ed è finalista al Premio Scerbanenco 2020. Nel 2021 uscirà il seguito.

CALENDARIO

Segnalo in agenda

Le lezioni saranno in streaming! Il giorno prima dell’inizio delle lezioni ti faremo sapere come collegarti alla piattaforma.
Ci si vede il lunedì, dalle 19 alle 21, in questi giorni:

Per ogni dubbio

contattaci