Accidenti! Non è più possibile iscriversi a questo corso. Ce ne sono tantissimi altri che iniziano, però, e si trovano qui. Per rimanere aggiornati su tutto quello che facciamo a Scuola, invece, questo è il modo più veloce: Glass, la nostra newsletter.

Il romanzo della famiglia

con Iaia Caputo

DAL 30 MARZO AL 1° GIUGNO 2021 IN STREAMING  SCRITTURA

Tutte le famiglie felici sono simili tra loro, ogni famiglia infelice è infelice a modo suo.

Lev Tolstoj

Nessun matrimonio è più duraturo di quello tra il Romanzo e la Famiglia. Nati insieme nel XVIII secolo, dati per morti più e più volte, hanno la straordinaria capacità di resistere e trasformarsi, di adattarsi ai tempi e di raccontarli. Entrambi granitici e permeabili, porosi, duttili, flessibili, survivors. L’incipit di Anna Karenina ci ricorda che quel che interessa la letteratura è il conflitto, e non esiste luogo più adatto della famiglia per metterlo in scena.

Il “romanzo della famiglia” offre infiniti palcoscenici per raccontare sentimenti e passioni, inquietudini e tradimenti, crimini e ribellioni. L’obiettivo sarà costruire una storia immaginando innanzitutto la/il protagonista, inventando caratteristiche che lo/a rendano credibile e interessante. E poi bisognerà definire il contesto e il genere: passato o presente? Commedia o tragedia?

Subito dopo bisogna costruire una trama: se il fascino narrativo del/la protagonista regge, anche la struttura in cui vive deve essere salda. Da questo momento in poi si comincerà a scrivere e a riscrivere la storia, monitorando la tensione, il movimento, la credibilità. Non dimenticando mai che le uniche famiglie degne di interesse sono “infelici”, inquiete, irrisolte, problematiche. E la felicità, semmai esiste, è solo un esito.

Gli scrittori non sono solo afflitti da un eccesso di immaginazione, sono anche ladri incalliti. Bisogna carpire i segreti della grande letteratura, rubare espedienti e tocchi magici. Qui ci sono dieci ottimi consigli per organizzare una rapina:

  • Lev Tolstoj, Sonata a Kreutzer
  • Gustave Flaubert, Madame Bovary
  • George Sand, Middlemarch
  • Virginia Woolf, Gita al faro
  • Tomasi di Lampedusa, Il Gattopardo
  • Jonathan Franzen, Le correzioni
  • Jeffrey Eugenides, Middlesex
  • Amos Oz, Una storia di amore e di tenebra
  • Tara Westover, L’educazione
  • Sally Rooney, Parlarne tra amici

Questo è un percorso di livello avanzato, può iscriversi solo chi ha già fatto un corso base di scrittura della Holden. Le lezioni si terranno in streaming, in modo da creare una classe virtuale (poi spiegheremo come collegarsi alla piattaforma); gli incontri saranno anche registrati, nel caso in cui qualcuno voglia poi rivedere la lezione (perché era assente o magari distratto: capita).

IN CATTEDRA

IAIA CAPUTO

Scrittrice, editor e traduttrice, Iaia Caputo ha scritto i saggi Mai devi dire e Di cosa parlano le donne quando parlano d’amore (Corbaccio), Le donne non invecchiano mai e Il silenzio degli uomini (Feltrinelli), e i romanzi Dimmi ancora una parola (Guanda), Era mia madre (Feltrinelli). I suoi libri sono stati tradotti in Spagna, Portogallo, Croazia. Da più di dieci anni tiene corsi e workshop di scrittura e tecniche narrative e di scrittura autobiografica. Nel 2020 ha pubblicato Il gusto di una vita (Enrico Damiani Editore). Questo è il suo sito.

CALENDARIO

Da segnare in agenda

Le lezioni saranno in streaming, dalle 19 alle 21, in questi giorni:

Per ogni dubbio

rispondiamo qui