Accidenti! Non è più possibile iscriversi a questo corso. Ok, sangue freddo, c’è una buona notizia. Ne abbiamo tantissimi altri che iniziano, uno dietro l’altro. Dai un’occhiata qui. Magari, nel frattempo, trovi qualcosa che ti piace di più. Se invece vuoi rimanere aggiornato su tutte le cose nuove che facciamo a Scuola, ecco il modo più veloce: iscriviti a Glass, la nostra newsletter.

Inventario:
raccontare se stessi con parole e disegni

con Mari Accardi

DAL 16 MAGGIO AL 27 GIUGNO 2020 IN STREAMING  CREATIVITÀ

“La gente pensa che se vuoi scrivere una storia devi seguire una struttura ben precisa. Ma è come pensare che se abbiamo i denti è solo perché esistono i dentisti.” Così dice la fumettista e scrittrice Lynda Barry, che da anni insegna a Scrivere l’impensabile e ad affidarsi alle proprie innate doti artistiche. Spesso è il nostro critico interiore che ci impedisce di esprimerci in forma creativa. Lo scopo di questo laboratorio è, appunto, imparare a gestirlo.

Nella prima fase analizzeremo diverse forme di narrazione autobiografica: romanzi, dipinti, poesie, fumetti, fotografie, perfino musei. Sperimenteremo usando varie tecniche, in particolare il disegno. In questo modo, andremo alla ricerca del materiale narrativo necessario a scrivere una storia nostra, che verrà poi ordinato e “contaminato” con quello degli altri: poiché il disegno, come sosteneva anche Flannery O’Connor, costringe a osservare le cose. Ma non è necessario saper disegnare, basta essere disposti a farlo. In un secondo momento, invece, ci concentreremo sullo sviluppo di un progetto narrativo personale.

Se deciderai di iscriverti, sappi che qui basta aver voglia di raccontare una storia usando il proprio vissuto come punto di partenza. Magari già scrivi, ma non hai ancora trovato il tuo stile o vivi un momento di blocco. Forse hai sempre voluto scrivere, ma non hai mai osato. Oppure, semplicemente, hai voglia di conoscerti meglio giocando. Non imparerai a scrivere, scriverai. Non ci sarà un prontuario di regole prestabilite, ognuno troverà le proprie (e poi le trasgredirà).

Cosa ti servirà?

Un quaderno di medie dimensioni (a righe, a quadretti, con le pagine bianche, come preferisci); una penna; una matita; un pennarello nero; una gomma; colori a piacere. E il computer, ovviamente, per entrare nella nostra classe virtuale.

Il programma (in disordine sparso):

  • Autoritratto lento e veloce
  • Dove ti riportano i cinque sensi
  • Raccontarsi al negativo
  • Raccontarsi attraverso gli oggetti
  • Punto di vista
  • Incipit
  • Il surreale nella vita quotidiana
  • La mia vita in cinque tappe

Le lezioni si terranno online, in streaming, in modo da creare una classe virtuale (poi ti spiegheremo come collegarti alla piattaforma); gli incontri saranno anche registrati, nel caso in cui qualcuno voglia poi rivedere la lezione (perché era assente o magari distratto: capita).

Alla fine del corso, ognuno farà anche un colloquio a tu per tu via Skype con l’insegnante, per capire come migliorare e come continuare il lungo percorso per trovare la sua voce.

IN CATTEDRA

MARI ACCARDI

È l’autrice de Il posto più strano dove mi sono innamorata e Ma tu divertiti (Terre di Mezzo Editore). È stata selezionata da Granta Italia e da Violetta Bellocchio per l’antologia non-fiction Quello che hai amato. Suoi racconti sono presenti in molte riviste italiane e straniere. Diplomata alla Holden nel 2006, ha frequentato il corso di sceneggiatura Rai Script e vari corsi di illustrazione.

CALENDARIO

Segnalo in agenda

Lezioni in streaming, sabato dalle 10 alle 12.30 e dalle 15 alle 17.30.

Non avrai mica dei dubbi?

contattaci