Inventario:
raccontare se stessi con parole e disegni

con Mari Accardi

DAL 28 NOVEMBRE 2019 AL 30 GENNAIO 2020 A TORINO  CREATIVITÀ

“La gente pensa che se vuoi scrivere una storia devi seguire una struttura ben precisa. Ma è come pensare che se abbiamo i denti è solo perché esistono i dentisti.” Così dice la fumettista e scrittrice Lynda Barry, che da anni insegna a Scrivere l’impensabile e ad affidarsi alle proprie innate doti artistiche. Spesso è il nostro critico interiore che ci impedisce di esprimerci in forma creativa. Lo scopo di questo laboratorio è, appunto, imparare a gestirlo.

Analizzeremo diverse forme di narrazione autobiografica: romanzi, dipinti, poesie, fumetti, fotografie, perfino musei. Una parte sarà dedicata alla sperimentazione, un’altra alla costruzione (libera) di una storia. È un corso molto più pratico che teorico, gli esercizi serviranno a tirare fuori il materiale narrativo che poi verrà selezionato, ordinato e “contaminato” con il materiale degli altri. Il disegno, come sosteneva anche Flannery O’Connor, costringe a osservare le cose. Ma non è necessario saper disegnare, basta essere disposti a farlo.

Se deciderai di iscriverti, sappi che qui basta aver voglia di raccontare una storia usando il tuo vissuto come punto di partenza. Magari già scrivi, ma non hai ancora trovato il tuo stile o vivi un momento di blocco. Forse hai sempre voluto scrivere ma non ha mai osato. Oppure, semplicemente, hai voglia di conoscerti meglio giocando. Non imparerai a scrivere, scriverai. Non ci sarà un prontuario di regole prestabilite, ognuno troverà le proprie (e poi le trasgredirà).

Cosa mettere in cartella?

Un quaderno di medie dimensioni (a righe, a quadretti, con le pagine bianche, come preferisci); una penna; una matita; un pennarello nero; una gomma; colori a piacere. Il computer? Ma no, quello non serve.

Il programma (in disordine sparso):

  • Presentazioni. Autoritratto lento e veloce.
  • Dove ti riportano i cinque sensi.
  • Tutto ciò che non sono. Raccontarsi al negativo.
  • Affidare le emozioni alle immagini. Raccontarsi attraverso gli oggetti.
  • Punto di vista. Io divento te.
  • Incipit. Il dettaglio da cui tutto parte.
  • L’elemento di disturbo. Il surreale nella vita quotidiana.
  • La mia vita in cinque tappe.

IN CATTEDRA

MARI ACCARDI

È l’autrice de Il posto più strano dove mi sono innamorata e Ma tu divertiti (Terre di Mezzo Editore). È stata selezionata da Granta Italia e da Violetta Bellocchio per l’antologia non-fiction Quello che hai amato. Suoi racconti sono presenti in molte riviste italiane e straniere. Diplomata alla Holden nel 2006, ha frequentato il corso di sceneggiatura Rai Script e vari corsi di illustrazione.

CALENDARIO

Segnalo in agenda

Il giovedì sera, dalle 19 alle 21

COME ISCRIVERSI

Tutto quello che devi fare

COSTO

260 | euro

QUANTE PERSONE

20 | al massimo

SCADENZA

18 novembre

Clicca il pulsante Iscriviti, aggiungi il corso al carrello e segui le istruzioni. Potrai pagare con carta di credito, PayPal oppure fare un bonifico.

iscriviti

Non avrai mica dei dubbi?

contattaci