La forma di un racconto
Montare e smontare il congegno narrativo

con Elvira Seminara

DA MAGGIO A SETTEMBRE 2021 ONLINE  SCRITTURA

Un buon racconto si fabbrica come un orologio, ha il suo congegno interno, preciso e invisibile. Se funziona bene segnerà il ritmo e l’ora, ma – questo è il prodigio – di un tempo tutto diverso, fuori dall’ordinario. Per realizzare questo cortocircuito di tempo e spazio si parte da una visione, ma si agisce su dati reali come il ritmo, il conflitto, i personaggi, l’ambientazione. E naturalmente conta molto la forza di una scrittura personale.

In questo percorso fabbricherai un racconto di 5.000 battute con la cura dell’artigiano e l’inventiva dell’artista, imparando a costruire un intreccio e a scolpire i personaggi dandogli corpo e gesti, a calibrare la tensione e illuminare i dettagli, impostando e potenziando, al contempo, la tua personale voce d’autore. Per riuscirci useremo alcune tecniche particolari: gli esercizi di sguardo come li intendeva John Berger, per imparare a guardare le cose di tutti i giorni in modo diverso, attivo e critico; e ti eserciterai nell’arte del dettaglio per imparare a vedere (e poi a raccontare) il mondo senza stereotipi e condizionamenti. Scrivere è, infatti, un modo di vivere.

Se riuscirai a sfrondare il tuo immaginario dai luoghi comuni e dalle espressioni abusate, sarai in grado non solo di scrivere un buon racconto, ma anche di vivere in modo più stimolante la tua stessa vita. Perché scrivere è vita aumentata, e la prima narrazione siamo noi.

IN CATTEDRA

ELVIRA SEMINARA

Scrittrice e giornalista, prima di dedicarsi interamente alla narrativa è stata cronista e opinionista per il quotidiano La Sicilia. Ha insegnato Storia del giornalismo e Scrittura creativa nella facoltà di Lettere a Catania; oggi cura corsi di storytelling in varie città italiane e collabora con L’Espresso e altre riviste. Tra i suoi romanzi, tradotti in diversi Paesi: L’indecenza (Mondadori 2008); I racconti del parrucchiere (Gaffi 2009); Scusate la polvere (Nottetempo 2011); La penultima fine del mondo (Nottetempo 2013); Atlante degli abiti smessi (Einaudi 2015), I segreti del giovedì sera (Einaudi 2020). Nel 2014 il teatro Stabile di Catania ha messo in scena la sua dark-comedy Scusate la polvere, e nel 2015 L’indecenza, con sceneggiatura di Rosario Castelli e regia di Gianpiero Borgia. Atlante degli abiti smessi ha generato una mostra itinerante di sue installazioni create con materie di scarto portate dai lettori, Armadi in volo. Reperti e referti di un romanzo. Crede nella contaminazione dei linguaggi e nella riconversione di ogni cosa; nell’arte del recupero e nell’economia circolare – di materia e spirito, dalla parola al gesto. Si definisce una cantascorie (no, non è un errore, è scritto con la c).

Come funziona Classi-fy?2021-01-14T14:12:28+01:00

C’è un calendario settimanale di appuntamenti da seguire, collegandosi alla piattaforma Classi-fy: possono essere video lezioni del docente, dispense da leggere e scaricare, e bisogna rispettare le scadenze per scrivere e condividere i compiti. Su classi-fy.it si possono leggere i testi dei compagni e commentarli o ricevere opinioni sul proprio lavoro. C’è un forum dove si può parlare delle lezioni (ok, sappiamo già si parla anche di tutt’altro: ma fa parte del divertimento). A volte il docente posterà un video in cui analizza pubblicamente i lavori di tutta la classe, ma si ricevono anche commenti dai compagni in chat.

C’è un calendario? A che ora saranno le lezioni?2021-01-14T14:13:09+01:00

I video registrati delle lezioni verranno caricati sempre lo stesso giorno della settimana, sul sito classi-fy. Si possono guardare quando si vuole, non sono appuntamenti in diretta. Però occhio alle scadenze degli esercizi: i compiti vanno consegnati entro una certa data, così che l’insegnante possa correggere tutti i lavori e dare un feedback alla classe.

Quali sono i requisiti tecnici per partecipare? Bisogna installare qualche programma speciale sul computer?2021-01-14T14:13:05+01:00

In linea di massima, si lavora online: quindi basta avere una connessione internet. Sul sito classify.it vengono caricati man mano i video delle lezioni, si condividono i documenti con il resto della classe, ci sono le dispense da scaricare e si può chattare con i compagni e il docente.

E alla fine del corso cosa succede?2021-01-14T17:20:14+01:00

Tutta la classe viene alla Holden, a Torino, per la lezione conclusiva e la consegna del diploma. Finalmente ci si incontra dal vivo e, se tutto va bene, si va a bere una birretta in Borgo Dora per festeggiare.

COME ISCRIVERSI

Quel che c’è da sapere

COSTO

450 | euro

QUANTE PERSONE

20 | al massimo

Basta aggiungere il corso al carrello e seguire le istruzioni. Si può pagare con carta di credito, PayPal oppure fare un bonifico.

iscrizione

Per ogni dubbio

rispondiamo qui
2021-04-01T22:50:59+02:00
Go to Top