Descrizione

Grand Tour: Mortara

con Giorgio Fontana

in collaborazione con

DAL 22 OTTOBRE AL 27 NOVEMBRE 2022

A MORTARA (PV)

SCRITTURA

Volendo riassumere, una storia può essere immaginata come un congegno composto da cinque elementi essenziali: personaggi, trama, stile, ambientazione e punto di vista. Questi elementi verranno analizzati in classe passo dopo passo, non come compartimenti stagni, ma come componenti di un ecosistema in perfetto equilibrio, e che tutti insieme respirano dando vita a un racconto compiuto.

Il lavoro in classe sarà molto concreto: sempre restando a contatto con le pagine di grandi autori e autrici, si faranno esercizi mirati e ci si metterà in gioco in prima persona, scrivendo. Non bisogna farsi prendere dalla paura del giudizio, ma concentrarsi su quel che si vuole raccontare, mettendo in conto che ci saranno diversi tentativi e riscritture prima di arrivare alla stesura finale. Il lavoro di editing è forse il momento più faticoso e appassionante, in cui ogni parola deve essere limata con cura e finire nel posto giusto.

Tutti scriveranno il loro racconto, tutti commenteranno quelli dei compagni di classe. Prima di salutarsi, verranno dati alcuni suggerimenti per continuare a scrivere, per coltivare le proprie storie e farle diventare abbastanza forti e robuste da reggere l’impatto con il pubblico.

IN CATTEDRA

GIORGIO FONTANA

Nato a Saronno nel 1981, è cresciuto a Caronno Pertusella e ora vive a Milano. Ha pubblicato alcuni libri (più un reportage a fumetti scritto a sei mani): con il romanzo Morte di un uomo felice ha vinto il Premio Campiello 2014, e la saga familiare Prima di noi ha vinto, fra gli altri, il Premio Mondello e il Premio Bagutta. Il suo ultimo libro è Il Mago di Riga (Sellerio, 2022). Sceneggia storie per Topolino e insegna scrittura alla Holden e alla Scuola Belleville.

CALENDARIO

Da segnare in agenda

Le lezioni saranno in via Contrada di Rotondo 16, il sabato dalle 14 alle 18 e la domenica dalle 9.30 alle 13.30, in questi giorni:

Per ogni dubbio

rispondiamo qui