L’arte del reportage

con Francesca Mannocchi

DAL 21 MARZO AL 21 GIUGNO 2020  A TORINO  REPORTING

Parlando dell’arte di Rodin, delle sue opere, del rapporto fisico che lo scultore aveva col marmo, Rilke disse che riusciva a dare vita visibile all’invisibile. Scrivere un reportage, un documentario o un libro significa consegnare al lettore o allo spettatore pezzi di mondo difficili da raggiungere. Per fare questo, il giornalista si attiene a precise regole d’ingaggio: verifica delle fonti, testimonianza diretta, una faticosa terzietà. Che non significa essere neutrale – nessun giornalista lo è – ma saper scomparire dietro la storia.

Ogni reportage ruota attorno all’intervista, e così questo corso. Attraverso case history, capirai come si prepara e si conduce un’intervista, come trovare l’universale nella storia di una singola persona e con quali domande far emergere l’animo degli intervistati in modo rispettoso. Scoprirai come raccontare il contesto, restituendo a lettori e spettatori la complessità di realtà lontane e differenti e, allo stesso tempo, di mondi emotivi privati e con profonde ferite.

Incontrerai direttamente i testimoni, li intervisterai e svilupperai la sinossi di un reportage e/o la sceneggiatura di un documentario per la televisione. Cucirai le singole storie con il contesto che le ospita, imparando a elaborare e trasmettere le condizioni geopolitiche o sociali che intendi raccontare. E scoprirai, in questo modo, quale stile è meglio usare, scegliendo tra un racconto in prima persona o una cronaca basata sugli eventi e meno sulle tue riflessioni personali.

IN CATTEDRA

FRANCESCA MANNOCCHI

È una giornalista freelance, si occupa di migrazioni e conflitti e collabora con numerose testate italiane e internazionali (L’Espresso, Stern, Al Jazeera English, The Guardian, The Observer). Ha realizzato reportage in Siria, Iraq, Palestina, Libia, Libano, Afghanistan, Egitto, Turchia. Ha ricevuto il Premiolino per il giornalismo nel 2016, il Premio Ischia per il giornalismo 2019, il Premio Giustolisi per il giornalismo 2015 e il Premio Ivan Bonfanti per il giornalismo 2019. Nel 2018 il documentario diretto con il fotografo Alessio Romenzi è stato presentato alla 75° edizione del Festival Internazionale del Cinema di Venezia. Ha scritto Io Khaled vendo uomini e sono innocente per Einaudi, Porti ciascuno la sua colpa per Laterza, e Libia per INK Mondadori.

CALENDARIO

Segnalo in agenda

Sabato dalle 14 alle 18; domenica dalle 9.30 alle 13.30

COME ISCRIVERSI

Tutto quello che devi fare

COSTO

590 | euro

QUANTE PERSONE

20 | al massimo

SCADENZA

28 febbraio

Clicca il pulsante Iscriviti, aggiungi il corso al carrello e segui le istruzioni. Potrai pagare con carta di credito, PayPal oppure fare un bonifico.

iscriviti

Non avrai mica dei dubbi?

contattaci