Raccontarsi con gli oggetti
laboratorio di scrittura e disegno

con Mari Accardi

DAL 17 GIUGNO AL 15 LUGLIO 2020 IN STREAMING  SCRIVERE DI SÉ

“Le persone si circondano di oggetti che parlano di loro e con cui intrattengono relazioni molto forti”, scrive l’antropologo Daniel Miller.

Gli oggetti definiscono epoche storiche e periodi della nostra vita. Quaderni, colori, libri, piante, vestiti, accessori, strumenti musicali, mobili, giocattoli, quadri, valigie, scatole, cianfrusaglie; oggetti quotidiani di cui non possiamo fare a meno e oggetti di cui vorremmo liberarci; oggetti consolatori, oggetti protettivi, oggetti inutili; regali, ricordi, trofei, simboli, invenzioni; oggetti persi, rotti o dimenticati.

In questo laboratorio useremo gli oggetti non soltanto per parlare di noi e del nostro rapporto con gli altri, ma anche per esplorare emozioni, ribaltare punti di vista, giocare. E soprattutto: raccontare una storia. Analizzeremo diverse forme di narrazione autobiografica in cui gli oggetti hanno un ruolo di primaria importanza: romanzi, dipinti, poesie, fumetti, fotografie, e perfino musei. Si scriverà molto e, tra gli esercizi, useremo il disegno e il collage.

Non bisogna essere bravi a disegnare, anche uno scarabocchio può essere un mezzo potentissimo per esprimere un’idea, comunicare uno stato d’animo e, molte volte, conoscersi meglio. Alla fine ognuno lavorerà a un progetto personale che verrà condiviso e discusso in classe.

Il laboratorio è aperto a tutti. Unico requisito: essere disposti a mettersi in gioco e a sperimentare. Procurati un quaderno di medie dimensioni (stile Composition Book), una penna, una matita e, se vuoi, dei colori di qualsiasi tipo. E, ovviamente, dieci (piccoli) oggetti.

Le lezioni si terranno online, in streaming, in modo da creare una classe virtuale (poi ti spiegheremo come collegarti alla piattaforma); gli incontri saranno anche registrati, nel caso in cui qualcuno voglia poi rivedere la lezione (perché era assente o magari distratto: capita).

IN CATTEDRA

MARI ACCARDI

È l’autrice de Il posto più strano dove mi sono innamorata e Ma tu divertiti (Terre di Mezzo Editore). È stata selezionata da Granta Italia e da Violetta Bellocchio per l’antologia non-fiction Quello che hai amato. I suoi racconti sono pubblicati in molte riviste italiane e straniere. Diplomata alla Holden, ha frequentato il corso di sceneggiatura Rai Script e vari corsi di illustrazione. Insegna alle medie e tiene laboratori di scrittura e disegno in giro per l’Italia.

CALENDARIO

Segnalo in agenda

Le lezioni saranno online, in streaming!

Ci si vede il mercoledì, dalle 19 alle 21, in questi giorni:

COME ISCRIVERSI

Tutto quello che devi fare

COSTO

150 | euro

QUANTE PERSONE

20 | al massimo

SCADENZA

15 | giugno

Clicca il pulsante Iscriviti, aggiungi il corso al carrello e segui le istruzioni. Potrai pagare con carta di credito, PayPal oppure fare un bonifico.

iscriviti

Non avrai mica dei dubbi?

contattaci