Alumni

Share:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Che cosa fanno i nostri studenti dopo la Holden? È una domanda che ci sentiamo fare spessissimo. La risposta non è facile, perché non è una soltanto: sono moltissime.

 

In quasi venticinque anni, i nostri allievi hanno fatto e continuano a fare le cose più diverse.

 

Pubblicano romanzi, saggi, fumetti, libri per bambini, poesie; fondano agenzie letterarie, case editrici, dirigono riviste online e su carta, scrivono blog di viaggio. Diventano insegnanti, traduttori, editor, giornalisti. Scrivono testi teatrali, programmi radiofonici o radiodrammi, lavorano nelle redazioni di programmi TV, inventano webserie (e poi le girano anche), lavorano in agenzie di comunicazione. Si occupano della promozione di eventi culturali, collaborano con fondazioni, festival, musei o associazioni culturali. I più intraprendenti fondano la loro associazione, il loro festival.

 

Scrivono sceneggiature per il cinema o la televisione, girano film, lavorano per case di produzione cinematografiche o stanno sui set ricoprendo i ruoli più diversi. Diventano creatori ed editori di contenuti per il web, gestiscono i canali social di aziende o di personaggi pubblici, curandone l’immagine e la comunicazione. Scrivono discorsi per i politici. A volte sono ghostwriter di persone importanti. Vengono chiamati dalle imprese più diverse per seguire progetti particolari (pubblicare un libro, girare un video, allestire una mostra, ideare un format). Inventano campagne pubblicitarie, scrivono gli spot che vediamo in TV, scelgono le fotografie che guardiamo la mattina leggendo i giornali. Inventano e scrivono podcast dedicati ad argomenti di attualità, fanno reportage, diventano fotografi, girano documentari che ci aiutano a capire cosa succede nel mondo.

 

Altri ancora scelgono di fare mestieri che niente hanno a che vedere con la narrazione: non direttamente, almeno. Ma per quanto ne sappiamo, ben poche cose a questo mondo non hanno a che fare con le storie. Detto in altre parole: siamo convinti che qualunque cosa possa essere notevolmente migliorata da qualcuno che possiede l’abilità di raccontarla come si deve.

 

Qui citiamo alcuni diplomati Holden di questi anni: l’elenco completo sarebbe immensamente più lungo. L’intenzione è semplicemente dare un’idea dell’incredibile varietà di quello che diventano, dopo, i ragazzi e le ragazze che sono passati dalle nostre aule.

 

 

alumni

 

Marco Amerighi lavora come traduttore per Einaudi e Feltrinelli. Nel 2008 ha vinto il Premio Chatwin (sezione narrativa) con il racconto L’eredità. Le nostre ore contate (Mondadori, 2018) è il suo primo romanzo

 

 

alumni

 

Maurizia Balmelli è la voce italiana di moltissimi grandi autori francesi e inglesi; tra gli altri, ha tradotto i libri di Cormac McCarthy, Martin Amis, Aleksandar Hemon, Agota Kristof, Emmanuel Carrère, Romain Gary, Georges Perec, Sally Rooney. Sui suoi social racconta la situazione dei migranti di Parigi; potete leggere qui un suo articolo uscito su The Catcher

 

 

alumni

 

 

Emmanuele Bianco è uno scrittore. Ha pubblicato Tiratori scelti e E quel poco d’amore che c’è. Il suo ultimo libro è La pura carne

 

 

alumni

 

Pier Franco Brandimarte è uno scrittore. L’Amalassunta, premio Calvino 2014, è il suo primo libro

 

 

alumni

 

Valerio Callieri ha vinto il Premio Calvino 2015 con il romanzo Teorema dell’incompletezza, pubblicato da Feltrinelli e finalista al Premio Manzoni 2017

 

alumni

 

Mario Capello lavora in campo editoriale e ha pubblicato I fuochi dell’86 e L’appartamento

 

 

alumni

 

Ilaria Castiglioni è a capo dell’area Development Film and Tv di ‎Indiana Production

 

 

alumni

 

Cristiano Cavina ha esordito nel 2003 con Alla grande. Da allora ha vinto il Premio Tondelli, è stato candidato allo Strega, ha scritto altri otto libri (tra cui un racconto per bambini, Pinna Morsicata). Il suo ultimo romanzo è Fratelli nella notte

 

 

alumni

 

Nicoletta Chinni è story editor per la casa di produzione Cattleya; insieme a Martino Ferrario ha fondato CasaSirio Editore

 

 

alumni

 

Marco Cubeddu è uno scrittore: ha pubblicato Pornokiller e Con una bomba a mano sul cuore per Mondadori. Nel 2016 ha partecipato alla quinta edizione di Pechino Express su Rai 2 e fatto un cameo nei panni di se stesso nella webserie The Lady di Lory Del Santo. Scrive su diverse testate ed è caporedattore di Nuovi Argomenti. L’ultimo anno della mia giovinezza (Mondadori, 2018) è un reality in formato letterario scritto con e su Costantino della Gherardesca

 

 

alumni

Giulia Cuter e Giulia Perona sono le creatrici di Senza Rossetto, un podcast e una newsletter che raccontano gli stereotipi del mondo femminile

 

 

alumni

 

Francesco D’Amore e Luciana Maniaci sono autori e attori del duo teatrale Maniaci D’Amore

 

 

alumni

 

Enrico Dal Buono ha pubblicato Come fratelli, una raccolta di racconti per Pequod, è autore del romanzo La vita nana e del saggio La provincia è Sagra. Resistenza culinaria di un mondo in disfatta

 

 

alumni

 

Kareen De Martin Pinter ha lavorato in musei, gallerie d’arte, agenzie pubblicitarie e uffici stampa. L’animo leggero (Mondadori, 2013) è il suo romanzo d’esordio, con cui ha vinto il Premio Letterario Nazionale Paolo Volponi per l’Opera prima. Dimentica di respirare (Tunué, 2018) è il suo secondo libro

 

 

alumni

 

Gabriele Di Fronzo ha pubblicato Il grande animale, con cui ha vinto nel 2016 in Premio Augusta e il Premio Volponi Opera Prima. Collabora con L’Indice dei Libri del Mese e ha pubblicato racconti su Nuovi Argomenti e Linus. Il suo ultimo libro è Cosa faremo di questo amore (Einaudi, 2018)

 

 

alumni

Federico Favot è sceneggiatore e headwriter delle serie TV I CesaroniIl commissario RexUna poliziotta in famigliaTutti insieme all’improvviso (di cui è anche autore del soggetto originale e creative producer); ultimamente, ha sceneggiato Amore, pensaci tu. Ha scritto anche il film La gente che sta bene ed è co-autore dei romanzi Quello che non sai di me, Ovunque andrai e Però mi manchi (Sperling&Kupfer)

 

 

alumni

Stefano Faure, Arnaldo Greco e Marco Verdura, Alessandro Bianchi e Antonietta Zaccaro lavorano nella redazione di Che tempo che fa. Stefano Faure ha lavorato anche per Vieni via con me ed è co-curatore del libro Io sono l’ultimo – lettere di partigiani italiani (Einaudi). Marco Verdura ha lavorato nella redazione dei programmi Glob e Wikitaly di Enrico Bertolino, andati in onda su canali Rai, nella redazione del programma Volo in diretta di Fabio Volo e del Jack On Tour per Deejay TV

 

 

alumni

 

Andrea Fusco è Head of Social Media Strategy nell’agenzia di comunicazione ‎The Big Now

 

 

alumni

 

Giancarlo Germino è story editor di serie TV come Il restauratore, Terra ribelle, L’ombra del destino; lavora per Paco Cinematografica, che ha prodotto film come Basilicata Coast to Coast, e i film di Tornatore La migliore offerta e La corrispondenza

 

 

alumni

 

Adriano Giotti è un regista. Con il corto Piume ha vinto l’Amnesty International Award al Giffoni Film Festival ed è stato inserito nella rassegna Giovani Autori Italiani al La Biennale nel 2015. Il suo corto A vuoto arriva in finale ai Globi d’Oro 2015. Esseri di stelle, prodotto da Rai Cinema, è il suo ultimo corto, mentre Mostri è entrato nella cinquina dei David di Donatello 2017. Il suo primo lungometraggio, Sex Cowboys, ha vinto come miglior film italiano al RIFF – Rome Independent Film Festival 2016

 

 

alumni

Andrea Giordana lavora per AKQA; da anni lavora per agenzie di marketing, comunicazione, design e servizi digitali creati su misura

 

 

alumni

Fabio Grassadonia e Antonio Piazza hanno scritto e diretto Sicilian Ghost Story, che ha aperto la Semaine de la Critique al Festival di Cannes del 2017 e ha vinto il David di Donatello per la miglior sceneggiatura non originale (il film è tratto da un racconto di Marco Mancassola); nel 2013 avevano già vinto a Cannes il Grand Prix de la Semaine de la Critique e il Prix Révélation con il film Salvo

 

 

alumni

 

Pietro Grossi è uno scrittore: ha pubblicato Pugni, L’acchito, Martini, Incanto e L’uomo nell’armadio. I suoi ultimi libri sono Il passaggio e Orrore

 

 

alumni

 

Martino Gozzi è autore di Una volta Mia, Giovani promesse e Mille volte mi ha portato sulle spalle; ha tradotto autori inglesi e statunitensi, tra cui Marlon Brando, Keith Richards, Steve Earle, e con Andrea Marti e Marina Petrillo ha tradotto Life, l’autobiografia di Keith Richards

 

 

alumni

 

Lorenza Ghinelli è una scrittrice e insegna alla Holden. Ha scritto, tra gli altri, Il divoratore, La colpa, Con i tuoi occhi e Sogni di sangue. Il suo ultimo libro è Anche gli alberi bruciano

 

 

alumni

 

Carlo Greppi ha scritto L’ultimo treno. Racconti del viaggio verso il lager, La nostra Shoah. Italiani, sterminio, memoria e Non restare indietro; collabora con Rai Storia e insieme a Giampaolo Musumeci ha vinto il premio DIG Awards “Documentari, Inchieste, Giornalismi” 2017 per No Border. Militanti ai confini dell’Europa. I suoi ultimi libri sono Bruciare la frontiera (Feltrinelli) e 25 aprile 1945 (Laterza)

 

 

alumni

 

Sebastiano Iannizzotto e Valentina Rivetti hanno fondato Dieci04, un’agenzia di comunicazione online compartecipata da Holden Srl. Sono anche i fondatori di The Catcher, il magazine online della Scuola Holden

 

 

alumni

Simone Laudiero è scrittore (tra i suoi romanzi, Si lasciano tutti e la trilogia per ragazzi L’Accademia dei Supereroi) e sceneggiatore, nonché uno degli irriducibili componenti del gruppo di autori televisivi La Buoncostume insieme a Pier Mauro Tamburini, diplomato nel suo stesso anno; Pier Mauro ha lavorato anche come giornalista per Il Post e ha scritto di televisione e cultura per Personal Report

 

 

alumni

 

Davide Lisino è story liner e dialoghista per Endemol, oltre che sceneggiatore per SkyItalia. Per Fandango ha scritto Italian cowboys e Eroi esauriti per goWare

 

 

alumni

 

Davide Longo è uno scrittore. Tra i suoi libri ci sono Il mangiatore di pietreL’uomo verticaleIl caso BramardMaestro Utrecht. Il suo ultimo romanzo è Così giocano le bestie giovani

 

 

alumni

Nicolas Lozito è un giornalista-grafico e lavora a La Stampa. Insieme a Jonathan Albrieux e Davide Lessi ha partecipato alla Coppa del Mondo del Giornalismo Innovativo organizzata dal Global Editors Network. Si sono aggiudicati il primo posto in Italia e, alle finali mondiali, sono arrivati terzi, battuti solo dal National Geographic e dalla BBC

 

 

alumni

 

Francesca Manfredi, rappresentata dall’agente Andrew Wylie, ha pubblicato con La nave di Teseo il suo primo libro, Un buon posto dove stare, con cui ha vinto il Premio Campiello Opera Prima 2017

 

 

alumni

 

Andrea Marcolongo è stata ghostwriter di Matteo Renzi e ha pubblicato La lingua geniale: 9 ragioni per amare il greco. Il suo ultimo libro è La misura eroica

 

 

alumni

 

Alessandro Mari è scrittore e traduttore. Tra i suoi libri ci sono Troppo umana speranza e Gli alberi hanno il tuo nome; ha tradotto Just Kids di Patty Smith e nel 2016 è uscito Randagi, il suo primo romanzo a fumetti. Cronaca di lei (Feltrinelli, 2017) è il suo ultimo romanzo

 

 

alumni

 

Marianna Martino ha fondato Zandegù, casa editrice che pubblica ebook e organizza eventi, corsi di scrittura, gruppi di lettura. Questo è il loro blog

 

 

alumni

 

Andrea Nobile è sceneggiatore di serie TV come Distretto di polizia, I.S., Il tredicesimo apostolo, Il bosco, Squadra antimafia

 

alumni

 

Carolina Orlandi ha pubblicato Se tu potessi vedermi ora (Mondadori, 2018)

 

alumni

Laura Paolucci è sceneggiatrice dei film L’orizzonte degli eventi di Daniele Vicari, Caos calmo di Antonello Grimaldi, La vita facile di Lucio Pellegrini, Diaz di Daniele Vicari. È producer della serie TV Gomorra, e ha scritto soggetto e sceneggiatura di L’amica geniale, serie tratta dai libri di Elena Ferrante per la regia di Saverio Costanzo

 

alumni

 

Marco Peano si occupa di narrativa italiana per Einaudi; ha scritto L’invenzione della madre (minimum fax, 2015)

 

alumni

 

Emiliano Poddi è scrittore e drammaturgo. Ha pubblicato Tre volte invano, Alboran e Le vittorie imperfette

 

alumni

 

Raffaele Riba è scrittore e lavora come editor per la 66thand2nd. Un giorno per disfare (66thand2nd, 2014) è il suo primo romanzo, eletto libro del mese di settembre 2014 da Fahrenheit Radio 3. Ha pubblicato anche Abbi pure paura (Loescher, 2015). Insegna alla Holden, lavora come editor per 66thand2nd ed è il curatore del festival Scrittori in città 2018

 

alumni

 

Alice Rohrwacher è una regista. Ha vinto il Grand Prix a Cannes 2014 con il suo secondo film, Le meraviglie. Il suo ultimo film, Lazzaro felice ha vinto il premio per la miglior sceneggiatura a Cannes 2018

 

alumni

 

Alessio Romano è uno scrittore: tra i suoi libri ci sono Paradise for All e Solo sigari quando è festa. Ha curato il manifesto letterario Gli stonati e il suo ultimo libro è D’amore e baccalà (EDT)

 

alumni

 

Evelina Santangelo è scrittrice ed editor per Einaudi. Il suo ultimo libro è Non va sempre così. Sempre per Einaudi ha tradotto Firmino di Sam Savage e Rock ’n’ Roll di Tom Stoppard, e ha curato l’edizione di Terra matta di Vincenzo Rabito

 

alumni

 

Simona Sparaco è autrice di Nessuno sa di noi (finalista Premio Strega 2013), Se chiudo gli occhi (Premio Selezione Bancarella, Premio Salerno Libro d’Europa e Premio Tropea), Equazione di un amore. Sono cose da grandi è il suo ultimo romanzo

 

alumni

Francesco Sparacino è editor della narrativa italiana per Rizzoli e ha fondato della rivista Colla insieme a Marco Gigliotti e Stefano Peloso. Insieme a Michele Turazzi ha fondato nel 2016 Pastrengo, rivista e agenzia letteraria

 

alumni

Flavio Stroppini è scrittore, giornalista e documentarista, regista e autore di radiodrammi; lavora molto con il Teatro Sociale di Bellinzona e la Radio Svizzera Italiana. Ha fondato Nucleo Meccanico, che produce e sostiene progetti culturali legati alla narrazione

 

alumni

 

Elena Varvello è una scrittrice; ha pubblicato le raccolte di poesie Perseveranza è salutare e Atlanti. Con la raccolta di racconti L’economia delle cose ha vinto il Premio Settembrini ed è stata selezionata al Premio Strega. I suoi ultimi libri sono i romanzi La luce perfetta del giorno e La vita felice (Einaudi, 2016)

 

alumni

 

Giorgio Vasta è autore di Il tempo materiale(minimum fax, 2008), Spaesamento (2010) e Presente (2012); è anche co-sceneggiatore di Via Castellana Bandiera, film di Emma Dante. Il suo ultimo libro è Absolutely Nothing. Storie e sparizioni nei deserti americani. È direttore creativo della quarta edizione di Book Pride Milano 2018

 

alumni

 

Paolo Vizzari cura la rubrica La Tavola del settimanale L’Espresso, e tra le sue collaborazioni ci sono La Repubblica, MTV, Radio Deejay, La Cucina Italiana, Traveller, Cook_Inc e Reporter Gourmet. Insieme al duo torinese Cavallito&Lamacchia è autore del libro Giovani&Audaci. Ritratti (quasi) veri dei cuochi che stanno rivoluzionando la cucina italiana